Cerca nel sito

giovedì 5 gennaio 2017

Privacy Officer in crescita: +33,6% a fine 2016



Aumenta il numero dei professionisti che mira a specializzarsi nella data protection: 1.302 quelli che hanno partecipato ai percorsi formativi, di cui 301 già certificati da TÜV Italia. Più di 200 nuove richieste di adesione a Federprivacy ancora in attesa di essere evase, e classi piene fino a giugno. Bernardi: "Fenomeno dovuto al fabbisogno di esperti con il GDPR, ma soprattutto alla previsione del data protection officer per migliaia di aziende pubbliche e private". Circolare dedicata al tema per aiutare le imprese a determinare se rientrano o meno nell'obbligo.
Firenze, 5 gennaio 2017 - Rimane poco più di anno alle imprese pubbliche e private per adeguarsi al nuovo Regolamento sulla protezione dei dati personali, e cresce il numero dei professionisti che scommettono sulla privacy per avere una carta in più da giocare nel mercato del lavoro.

Se a decorrere dal 25 maggio 2018 l'Autorità Garante potrà iniziare a sanzionare le violazioni sulla base del Regolamento UE 2017/679, con multe che potranno arrivare fino a 20 milioni di euro o al 4% del fatturato annuo dei trasgressori, le aziende hanno infatti necessità di avvalersi di esperti della materia per farsi trovare conformi entro la scadenza, e le ultime statistiche indicano che c'è un notevole aumento di professionisti che ambiscono a specializzarsi nella data protection:
a dicembre 2016 erano complessivamente 1.302 i partecipanti in 33 edizioni svolte finora dei corsi di Federprivacy, registrando un +28,6% rispetto all'anno precedente. 

Sul totale di coloro che hanno frequentato i percorsi formativi, 188 hanno ottenuto l'Attestato di Qualità dei servizi ai sensi della Legge 4/2013, e ben 301 hanno invece già conseguito la certificazione di Privacy Officer dell'ente TÜV Italia, che rilascia il riconoscimento in conformità agli standard internazionali della Norma UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2012.

"A parte gli ottimi risultati ottenuti finora, ciò che dimostra come si stia ormai affermando una vera e propria categoria professionale, è il fatto che a 2017 appena iniziato non siamo riusciti a far fronte regolarmente a tutte le richieste ricevute - spiega Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy - in pochissimo tempo ci sono arrivate più di 200 nuove domande di iscrizione alla nostra associazione, e per questo chiediamo ai nuovi associati un po' di pazienza per darci modo di evadere tutte le adesioni pervenute, con le quali ci attestiamo adesso vicino a quota 1.500 iscritti. Inoltre, nelle ultime settimane abbiamo visto andare al completo tutte le edizioni del nostro corso Master Privacy Officer in calendario nel primo semestre. Ovviamente, questo fenomeno è dovuto al nuovo fabbisogno di esperti generato dal GDPR, ma soprattutto al fatto che migliaia di aziende pubbliche private devono nominare un data protection officer."

A proposito di quest'ultima figura, poiché il testo della nuova normativa comunitaria non detta soglie fisse o parametri chiaramente definiti, eccetto che per le pubbliche amministrazioni nelle quali il DPO è tassativo, Federprivacy ha emanato la circolare di approfondimento "Casi di nomina obbligatoria del responsabile della protezione dei dati nel Regolamento UE 2016/679", elaborata per aiutare le imprese a determinare se ricadono o meno nell'obbligo del data protection officer.

Quello delle circolari, è un nuovo strumento che d'ora in poi sarà fornito gratuitamente agli associati nell'area riservata del sito www.federprivacy.it, con l'intento di fornire mensilmente approfondimenti e/o chiarimenti sui temi della protezione dei dati di maggiore interesse per gli addetti ai lavori.

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI