Cerca nel sito

domenica 1 gennaio 2017

ADDIO AL GLORIOSO CORPO FORESTALE DELLO STATO / DI MARCO NICOLETTI

ROMA - Nel mentre il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Tullio Del Sette, rassicurava che non sarebbe cambiato nulla, da oggi, 1° gennaio 2017, il Corpo Forestale dello Stato non c’è più. Con la riduzione dei corpi di polizia prevista dalla riforma della Pubblica amministrazione, scatta l’accorpamento della Guardia Forestale ai Carabinieri con circa 7mila forestali che passano all’Arma. 

Anche se le funzioni e le professionalità non vengono disperse, viene a scomparire uno dei punti di riferimento del mondo animale, tra le proteste delle associazioni animaliste. Enpa, Lav, Wwf, Lipu tra le altre hanno sempre manifestato il proprio dissenso alla riorganizzazione del Cfs, vista come una inutile “militarizzazione” o tutt’al più un “regalo a ecomafie e zoomafie”. E’ stata anche organizzata una petizione online, #SalviamolaForestale, che ha ricevuto circa 120mila firme di cittadini contrari alla soppressione del Cfs. 

Sul blog di Beppe Grillo è comparso ieri un post di solidarietà, che illustra le preoccupazioni del M5S per le “numerose incognite su come verrà data continuità al servizio antincendio, al contrasto al commercio di specie in via di estinzione, alle numerose competenze tecniche proprie del corpo, come l’inventario forestale o il censimento degli alberi monumentali, e alla gestione delle riserve naturali per la conservazione della biodiversità”.  

Tra gli altri compiti della Forestale anche il controllo sull’attività venatoria e la prevenzione e repressione delle violazioni in materia di benessere degli animali. Per quei forestali che hanno preferito invece non essere assegnati a un corpo militare, circa 300, ci sono riassegnazioni ad altre amministrazioni, secondo le graduatorie pubblicate oggi sul portale della mobilità della Funzione pubblica. 

A scegliere la mobilità volontaria sono stati in 230 (quasi tutti già assegnati) mentre di altri 59 in mobilità obbligatoria 54 già sono stati spostati secondo le loro richieste mentre 5 sono stati assegnati ad altri posti dal dipartimento della funzione pubblica.

Risparmio sulla carta di cento milioni di euro. Sara vero? Il nuovo corso dovrebbe produrre un risparmio da 100 milioni di euro in 3 anni, oltre – spiegava il comandante – “il trasferimento di 750 agenti ad altre forze di polizia o amministrazioni, in particolare il reparto anti incendi confluirà nei Vigili del Fuoco: come prevede la legge saranno preservate le professionalità e le specializzazioni”. 

Infatti i forestali attualmente attivi sono circa 7500. Gli esuberi rispetto ai 7mila che diventeranno carabinieri finiranno in altri uffici della Pubblica Amministrazione.
I carabinieri in verde. Non sono mancate però le critiche da parte dei rappresentanti dei sindacati della forestale. E pure quelle degli appartenenti all’Arma. 
Oltre ai motivi lavorativi, le lamentele riguardano le foto che in queste ore stanno circolando su Facebook con le auto del Corpo forestale modificate, la scritta “Carabinieri” sul cofano e le portiere, ma pur sempre di colore verde. 

Marco Moroni, segretario del Sapaf, il sindacato autonomo dei Forestali, ha detto: “Adesso cominciamo a capire da dove arriva il risparmio ipotizzato dal governo: Dal maquillage. Prendono le nostre macchine e cambiano la scritta sulle portiere. Ci sembra poco dignitoso, sia per l’Arma e la sua storia bicentenaria, sia per i forestali”


Marco Nicoletti 
Diritti Riservati 
marconicolettinews@gmail.com   
( solo contatti e comunicati stampa) 

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI