Cerca nel sito

lunedì 9 gennaio 2017

Fisco: regolarizzare la prostituzione nel 2017 muoverebbe un giro d’affari di 5 miliardi di euro

Milano, 9 gennaio 2017Regolarizzare le escort rappresenterebbe un beneficio economico per l'Erario innegabile, come molti economisti sostengono da tempo.

Secondo la commissione Affari sociali della Camera le 70mila prostitute italiane, con i loro nove milioni di clienti, muoverebbero affari per 5 miliardi di euro.

L'Economist, in un'edizione dello scorso anno, calcolava un impatto potenziale sul Pil di 14 miliardi di dollari per gli Stati Uniti e di 9 miliardi per la Gran Bretagna. Il giro d'affari in Spagna vale 2 miliardi di euro, lo 0,35% del Pil, superiore al commercio di stupefacenti, tanto che nel 2012 a Valencia un'università privata ha avviato corsi per formare giovani prostitute.

"Grazie ad un opportuno inquadramento fiscale, le escort pagherebbero imposte simili alle ditte individuali, con tanto di contributi previdenziali, e soprattutto potrebbero evitare le pesanti sanzioni che la Guardia di Finanza sta infliggendo al settore. Grazie a questa manovra si potrebbero recuperare 2 punti di PIL, tanto vale in Germania la regolarizzazione fiscale di escort e massaggiatrici, e l'Italia non differirebbe di molto". È quanto sostiene Gianluca Massini Rosati, l'Escapologo Fiscale e creatore del corso 'Escapologia fiscale - 59 «segreti» leciti e illeciti' (www.escapologia-fiscale.com).

Recentemente, con la sentenza n. 22413/2016, i giudici della Corte di Cassazione hanno stabilito, esaminando il caso di una donna finita nelle maglie della finanza per non aver dichiarato ingenti somme provenienti dall'attività di prostituta, che «chi esercita la prostituzione deve pagare le tasse».

Uno dei punti cardinali della politica fiscale della Lega Nord targata Matteo Salvini è, insieme alla flat tax, la legalizzazione e la tassazione della prostituzione. Lo stato prenderebbe atto di un fenomeno sociale ed economico esistente e incasserebbe un bel po' di soldi.

Quanti? La tassazione proposta varia dal 20 al 15%, così il gettito stimato derivante dalla tassazione della prostituzione andrebbe dai 2 ai 4 miliardi di euro.

"Con queste risorse si potrebbero fare moltissime cose, ma prima di decidere come usare questi soldi bisognerebbe verificare se la stima degli introiti è verosimile. Se questi 4 miliardi di nuove tasse vengono ottenuti con la flat tax al 15% che la Lega auspica, significherebbe che la base imponibile (ovvero il giro di affari d'affari della prostituzione) è di circa 26,5 miliardi, ben oltre i 5 ipotizzati dal Governo", procede Massini.

Ma quali sono i vantaggi fiscali di cui potrebbero avvantaggiarsi le professioniste del sesso? "Innanzitutto potrebbero passare alla legalità, con ovvi vantaggi per l'intero sistema. Potrebbero poi dedurre tutti i costi inerenti la loro professione, che non sono solo i preservativi come molti potrebbero pensare, ma anche l'affitto e la pubblicità on-line, che pesa sul loro conto economico fino a 2-300 € al giorno. Inoltre potrebbero godere dei contributi previdenziali e avrebbero la possibilità di depositare liberamente i loro introiti sul conto corrente per acquistare una casa dove vivere o per pagare gli studi ai figli senza rischiare pesanti controlli e conseguenti sanzioni. Regolarizzare questo settore, oltre che rappresentare un'importante manovra economica, costituirebbe un'operazione di grande equità sociale", conclude Massini.


Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI