Cerca nel blog

martedì 10 gennaio 2017

LA POTENZA DELLE IMMAGINI PER VINCERE L’INDIFFERENZA SUI MIGRANTI


I volti dei migranti richiedenti asilo sbarcati a Crotone - assistiti da INTERSOS - in una mostra fotografica al Quirinetta di Roma. Il fotografo Matteo Casilli ha puntato il suo obiettivo sulle loro storie, rivestendo di dignità le loro vite distrutte da violenze e guerre.   
 
Maschi, giovani e soli, molti dei quali hanno compiuto un viaggio estenuante e pericoloso, seguendo rotte che attraversano il deserto del Sahara per arrivare sulle coste libiche o tunisine in attesa di imbarcarsi per l’Italia. Poi l’arrivo a Crotone, tra le prime città d’Italia per rilascio di permessi di soggiorno, dove il fotografo Matteo Casilli ha puntato il suo obiettivo sui loro volti per il progetto “Humans”, una rassegna fotografica dedicata ai migranti richiedenti asilo che hanno trovato riparo a ridosso dei binari della stazione ferroviaria della città, diventata da anni abituale ricovero per chi non trova spazio nelle strutture di accoglienza. Persone costrette a vivere in condizioni degradanti e inaccettabili, ma allo stesso tempo portatrici di una dignità, di una passione, di un orgoglio, di un’identità da raccontare e difendere.
Le foto di “Humans” saranno esibite negli spazi del Social Bar del Quirinetta di Roma dalle ore 21 di giovedì 12 gennaio. Alle 22 seguirà un concerto a favore di INTERSOS di Sandro Joyeux, a Roma per una nuova tappa del suo tour “Migrant".

#LICHIAMIAMOPERNOME, IL MODELLO DI INTERVENTO DI INTERSOS A CROTONE
Crotone, una delle province più povere e con più alto tasso di disoccupazione in Italia, ospita il secondo CARA (Centro di Accoglienza Richiedenti Asilo) più grande del nostro Paese e una vasta popolazione straniera, composta per larga parte di rifugiati in attesa di asilo, ospitata in diverse strutture su tutto il territorio provinciale. Per questo nel 2014 INTERSOS, organizzazione umanitaria, ha lanciato il progetto Mesoghios (Mediterraneo in greco) che ha visto la realizzazione  nel centro storico del capoluogo ionico di un Ambulatorio dove un medico, un’infermiera, con la collaborazione di alcuni medici volontari e due mediatori interculturali, hanno effettuato in soli due anni oltre 3mila visite mediche. Inoltre è stato avviato uno sportello di supporto psicologico per seguire casi particolarmente complessi e sensibili.  Punto di forza del progetto è stato il coinvolgimento attivo della rete associazionistica locale. Lo stesso modello di intervento sarà applicato in un nuovo progetto di accoglienza e assistenza psico-socio-sanitaria alla popolazione migrante interamente finanziato grazie al FAMI (Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione dell’Unione Europea gestito dal Ministero dell’Interno) e che vede come capofila l’Azienda Sanitaria Provincia dei Crotone.

Con l’avvio del nuovo progetto FAMI, si compie l’obiettivo principale del progetto che INTERSOS aveva lanciato 3 anni fa arrivando a Crotonedichiara il responsabile migrazione di INTERSOS Cesare Fermi - quello di dare continuità al nostro intervento, inserendo le buone prassi sviluppate da INTERSOS in collaborazione con la rete dell’associazionismo, nel sistema della sanità pubblica provinciale e regionale. Particolarmente significativa è la rilevanza data dal progetto al tema del disagio psicologico e della malattia mentale. In questi anni abbiamo, infatti, constatato come il supporto psicologico sia una componente fondamentale dell’assistenza sanitaria nei confronti di persone che hanno spesso subito traumi e violenze difficili da superare e che hanno dovuto abbandonare i propri paesi di origine, le proprie case e le proprie famiglie”.



***
INTERSOS (www.intersos.org)
INTERSOS è un’organizzazione umanitaria italiana, che opera in tutto il mondo a favore delle popolazioni in pericolo, vittime di calamità naturali, conflitti armati e fenomeni di esclusione estrema. Con i propri operatori umanitari, INTERSOS porta soccorso nell’emergenza alle popolazioni civili, con particolare attenzione ai gruppi meno protetti (donne e bambini). Fornisce alimenti e generi di prima necessità, soddisfa esigenze fondamentali come il diritto all’educazione e alla salute. Attualmente INTERSOS è attiva con oltre 100 progetti in 19 Paesi, e con 1500 operatori impegnati sul campo.

MATTEO CASILLI (www.matteocasilli.com)
Nasce a Roma nel 1983. Dopo aver conseguito la Laurea in Lettere e Filosofia, si diploma nel 2009 presso la "Scuola Romana di Fotografia". La sua ricerca fotografica è incentrata sul ritratto e sullo studio della psicologia umana che tanto lo affascina.  Tra le sue maggiori collaborazioni fotografiche spiccano quelle con Oliviero Toscani, nella realizzazione del libro "Firenze Santo Spirito" e con Terry Richardson a New York. Ha esposto in numerose mostre collettive, nazionali ed internazionali. Attualmente vive e lavora tra Roma e New York.
 




Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Follow by Email