Cerca nel sito

giovedì 19 gennaio 2017

Nel 2016 crescita a tripla cifra per la startup Uniplaces in Italia

Uniplaces si conferma player di riferimento per il settore degli affitti per studenti e giovani lavoratori in Italia. +400% di prenotazioni nel 2016 con oltre diecimila alloggi disponibili sul sito e un giro d'affari di 7 milioni di euro l'anno. In aumento gli utenti italiani, ma crescono in maniera sorprendente anche cinesi (+700%) e indiani (+536%).



Milano, 19 gennaio 2017  Uniplaces, brand globale leader nel settore degli affitti per studenti universitari, ha chiuso il 2016 con numeri decisamente importanti. 

La crescita riguarda tutti i mercati in cui l'azienda opera: un chiaro indicatore dell'efficacia e dell'affidabilità del sistema messo a punto da Uniplaces, in grado di portare innovazione in un settore legato a pratiche tradizionali. La formula proposta, che digitalizza e semplifica il processo di ricerca di una sistemazione e di gestione del rapporto tra proprietario di casa e affittuario, piace sia ai ragazzi che ai proprietari.

L'apertura verso strumenti più moderni per la ricerca di casa è molto forte, soprattutto tra i giovani: i canali tradizionali delle agenzie immobiliari e delle bacheche in università, avvertiti come antiquati e poco pratici, non sembrano poter soddisfare le necessità di questo tipo di clientela. Ciò è particolarmente evidente nel mercato italiano: i dati raccolti dall'azienda parlano infatti di una crescita vertiginosa della piattaforma nel nostro Paese, con valori che superano quelli  peraltro già eccezionali  che Uniplaces ha riscontrato a livello globale. Ne emerge uno spaccato realistico del settore, che funge da barometro per un segmento del mercato immobiliare significativo, ma difficile da inquadrare con altri strumenti.

Sempre più alloggi e prenotazioni sul portale

Il primo dato notevole riguarda il numero di alloggi disponibili in Italia, che nel 2016 ha superato le diecimila unità con una crescita del 232% rispetto all'anno precedente. Le città italiane attualmente coperte dal servizio sono Milano, Roma, Bologna, Firenze e Torino. Aumenta quindi la fiducia dei proprietari di casa nel sistema proposto da Uniplaces, merito sia della semplificazione delle procedure che delle tutele che la start-up offre al padrone di casa nell'eventualitàdi un abbandono anticipato dell'immobile da parte dell'affittuario.

Cresce anche l'apprezzamento da parte dei giovani in cerca di alloggio: il numero di prenotazioni in Italia nel 2016 ha infatti segnato un aumento di circa il 400% rispetto all'anno precedente (contro una crescita del 300% circa a livello globale nelle prenotazioni sul portale). Anche la durata media dei soggiorni prenotati cresce, passando dai 156 giorni del 2015 ai 169 del 2016.

Alta la richiesta degli italiani, ma cinesi e indiani crescono rapidamente

Sono sempre di più i giovani italiani che trovano casa in Italia grazie a Uniplaces: nel 2016 sono cresciuti del 321%rispetto all'anno precedente, a testimonianza del fatto che la formula proposta dall'azienda non soddisfa solo le esigenze dei giovani stranieri che cercano casa nel nostro Paese. Uniplaces convince anche gli italiani perché rende rapida ed efficace la ricerca, eliminandone gli aspetti più noiosi e impegnativi, puntando allo stesso tempo a una crescente qualità degli alloggi proposti.

I giovani stranieri restano tuttavia il principale bacino d'utenza della piattaforma, in virtù anche della notorietà ormai consolidata del brand a livello internazionale. I numeri piùcorposi riguardano francesi (17,5% del totale) e spagnoli (16,7%). Il dato che colpisce di più è però la rapida crescita degli arrivi dall'Oriente, merito probabilmente della sempre maggiore diffusione di accordi di scambio accademico anche con istituzioni extraeuropee: per quanto i numeri assoluti siano ancora ridotti, il 2016 ha infatti visto crescere gli affittuari cinesi del 700% e quelli indiani del 536%.

"Uniplaces offre, nel proprio settore, ciò che l'innovazione tecnologica dovrebbe proporsi di fare in ogni area di applicazione: portare vantaggi a tutte le parti coinvolte. Il nostro obiettivo finale è aiutare le persone a soddisfare la propria necessità in modo sicuro, pratico e semplice  che si tratti di trovare il miglior alloggio possibile o di affittare il proprio immobile", afferma Giampiero Marinò, Country Manager di Uniplaces per l'Italia"Direi che in Italia stiamo riuscendo a raggiungere questo obiettivo ambizioso. Nel 2016 la nostra piattaforma ha registrato prenotazioni per un valore di circa 7 milioni di euro, quadruplicando nel corso di un anno il giro d'affari generato per i proprietari che hanno scelto di affidarsi a noi per affittare il proprio immobile".

La crescita di Uniplaces nel mercato italiano si inserisce in un quadro molto positivo anche a livello globale: il giro d'affari generato nel 2016 per i proprietari di immobili registrati sulla piattaforma ammonta infatti a circa 36 milioni di euro.

 

 

Uniplaces

Uniplaces, sin dal suo lancio avvenuto nel 2013, si propone come brand di riferimento per tutto ciò che riguarda prenotazioni online di alloggi per studenti universitari.

Questa ambizione è stata supportata da una rapida e costante crescita che ha reso Uniplaces il portale di riferimento per tutto ciò che riguarda prenotazioni online di alloggi per studenti.

Rivestendo un duplice ruolo nel mercato dello studenthousingUniplaces aiuta anche i proprietari di casa ad affittare le proprie strutture in maniera rapida e sicura realizzando una rendita spesso superiore rispetto alla media degli affitti in quella determinata destinazione.

Il portale, in costante crescita, può contare su investimenti da parte di partner finanziari di assoluto spessore inclusi: Octopus Investments, Atomico ed i fondatori di Zoopla and LOVEFiLm.

 

Per maggiori informazioni visitare:https://www.uniplaces.com/it/



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI